COME CAMBIARE REGIME FISCALE?
Cosa fare per modificare il regime fiscale scelto

Innanzitutto occorre precisare che non esistono "contratti a cedolare secca".
L'opzione cedolare è esclusivamente PERSONALE.

Se in un contratto abbiamo più locatori, è senz'altro possibile che la scelta di optare oppure no per la cedolare secca sia DIVERSA fra un locatore e l'altro.

Nella maggior parte dei contratti, assistiamo a scelte omogenee fra i vari locatori. Ciò non sempre conviene, soprattutto nei casi in cui 2 coniugi affittano un immobile da essi posseduto in regime di comunione dei beni, qualora solo uno dei due abbia un reddito da lavoro.

Per chi non ha altri redditi, infatti, la scelta della cedolare di solito non è conveniente. Mentre chi dichiara redditi, sui quali ovviamente si paga una aliquota IRPEF decisamente maggiore di quella corrispondente alla "cedolare secca", ridurre al 21% o addirittura al 10% la cedolare secca sui redditi da locazione può far risparmiare somme decisamente importanti.

Ma veniamo alla domanda iniziale: QUANDO e COME modificare il regime fiscale? Se abbiamo scelto il pagamento delle imposte e vogliamo aderire alla cedolare secca, basta attendere il successivo rinnovo annuale e, in quel contesto, si comunicherà all'Agenzia delle Entrate il cambio di scelta, al posto del pagamento del consueto 2%.

Per tornare al pagamento imposte, dalla scelta della cedolare, occorre invece attendere la scadenza del contratto e, in sede di PROROGA, si eserciterà l'opzione desiderata.

Hai dei dubbi?

Se non hai trovato la risposta che cercavi contattaci,
informazioni gratuite e senza impegno.
Se preferisci chiamarci contattaci al numero 3404901249